Chi siamo?

Siamo persone che amano la tecnologia e che sanno che gli albergatori non condividono necessariamente questa passione. Le difficoltà che questa presenta sono ciò che ci spinge a renderla più semplice e più interessante da usare.

Sebbene la nostra storia abbia un inizio umile, come quello di molte altre aziende tecnologiche, la nostra storia è tutt’altro che un cliché. Adoriamo le nostre magliette e le nostre felpe da nerd, ma siamo altrettanto a nostro agio in giacca e cravatta. Oltre a JavaScript e GraphQL, parliamo tutte le lingue più diffuse al mondo, rispecchiando il valore della diversità in cui crediamo e il nostro vasto bacino di hotel clienti.

La nostra esperienza di albergatori in primo luogo ci dà le competenze necessarie a capire davvero le sfide di questo mestiere, specialmente in un mondo come quello odierno, dove il consumatore la fa da padrone ed è ogni giorno più esigente. Nonostante questo, siamo convinti di poter aiutare gli albergatori a esplorare il loro vero potenziale e a creare quelle esperienze memorabili per i loro clienti di cui i viaggiatori sono oggi alla ricerca.

Ulteriori informazioni sui nostri clienti

Abbiamo uffici in tutto il mondo

Londra

Dallas

Bangkok

Sydney

Galway

Città del Capo

Viviamo di innovazione

Nello stesso anno in cui Google ha acquistato YouTube ed è nato Booking.com abbiamo sconvolto il mercato alberghiero globale lanciando il concetto di una gestione dei canali dietro il pagamento di un canone fisso mensile. Era il 2006 e fino a quel momento gli hotel avevano dovuto pagare una percentuale, o una tassa di transazione, ogni volta in cui un canale inviava loro una prenotazione. Noi abbiamo reso la distribuzione accessibile a ogni hotel.

È questa eredità che ci ha fatto guadagnare un posto in H2 Ventures e nel reportTech Pioneers di Investec, e non ci siamo mai guardati indietro.

Scopri perché gli albergatori si affidano a noi

Questa è la nostra storia

2006

Due amici di nome Mike notano che gli alberghi non hanno nessun modo per scambiare informazioni sulle prenotazioni con i siti web su cui hanno elencato le loro camere. Quindi, lasciano il loro lavoro per trovare una soluzione a questo problema e in un appartamento in affitto a Sydney nasce SiteMinder, il nome originale della nostra soluzione più importante: The Channel Manager.

I due fondatori di SiteMinder vanno porta a porta, offrendo gratuitamente agli hotel la loro soluzione, a dimostrazione della fiducia nella loro promessa.

2007

Sei mesi dopo il suo lancio, 70+ hotel usano il nostro channel manager e ne sono assolutamente soddisfatti. Introduciamo un basso canone mensile flat per supportare lo sviluppo della nostra tecnologia e iniziamo a promuovere il nostro prodotto all’estero, dando il via al nostro dominio in Nuova Zelanda.

Nello stesso anno un vero angelo custode investe 250.000 dollari australiani nella nostra start up, permettendoci di assumere il nostro primo dipendente.

2008

Con la crescita della meta ricerca e delle OTA, gli hotel iniziano a cercare soluzioni per ricevere prenotazioni direttamente attraverso il loro sito web. Nasce il motore di prenotazione online di SiteMinder: TheBookingButton.

In agosto conquistiamo la nostra prima catena alberghiera: Rydges. Questa segna l’inizio delle catene alberghiere che adotteranno la nostra soluzione nel corso degli anni, a riprova della impareggiabile capacità di adattarci alle dimensioni e alle esigenze dei nostri clienti.

2009

Sigliamo una partnership con uno dei più grandi sistemi di gestione di proprietà nel mondo: “Opera” di Oracle (poi Micros-Fidelio).

2010

Il nostro successo nel Pacifico ci incoraggia a espanderci in altre parti del mondo. A maggio apriamo un ufficio a Londra e entro dicembre guadagniamo il 68° posto nella classifica di Deloitte: Technology Fast 500 Asia Pacific.

2011

Possiamo festeggiare 4.000+ hotel clienti in tutto il mondo, il 16% dei quali non si trova nel Pacifico. Il fatturato annuo degli hotel le cui prenotazioni passano attraverso le nostre soluzioni tecnologiche supera per la prima volta un miliardo di dollari statunitensi.

A marzo apriamo il nostro terzo ufficio, a Città del Capo, e miglioriamo la nostra suite di prodotti lanciando GDS by SiteMinder.

2012

Dopo soli 5 anni, SiteMinder è diventata un punto di riferimento non solo nel Pacifico ma anche nel sud-est asiatico, in Sud Africa e nel Regno Unito. Il fatturato annuo degli hotel che usano la nostra tecnologia raddoppia, raggiungendo i 2 miliardi di dollari statunitensi.

Per supportare la nostra espansione globale, abbiamo raccolto 5 milioni di dollari australiani in finanziamenti da Bailador Investment Management e aperto un nuovo ufficio a Bangkok nel mese di ottobre.

Altri fornitori tecnologici lanciano anch’essi il nostro channel manager come white label, come parte del nostro programma di Room Distribution Exchange (RDX).

2013

Diamo il benvenuto al nostro 10.000º hotel cliente. Non solo possiamo vantare 10.000 hotel che credono in noi, ma la nostra traiettoria di crescita al di fuori del Pacifico è più forte che mai. In questo anno, il 36% dei nostri clienti si trova in EMEA e il 13% in Asia.

Inoltre, conquistiamo il titolo di partner privilegiato di TripConnect di TripAdvisor e ci classifichiamo in 63a posizione, per il secondo anno consecutivo, nell’elenco di BRW Fast 100.

2014

Ah, che anno fantastico! A gennaio siamo la prima impresa australiana a ricevere un investimento da TCV, nella Silicon Valley. Questo finanziamento, di 33 milioni di dollari statunitensi, accelera l’ulteriore sviluppo della nostra tecnologia e la nostra espansione globale, con l’apertura, nel mese di giugno del nostro quinto ufficio, a Dallas, a sostegno del nostro ingresso nel mercato statunitense.

Avendo osservato la crescita del mercato dei viaggiatori cinesi, a ottobre avviamo una partnership con l’agenzia di viaggi online leader in Cina: Ctrip, diventando il primo fornitore di channel manager a stabilire una connessione bidirezionale e in tempo reale alla sua piattaforma per hotel.

La rivista CIO Review ci include nella sua lista annuale dei 20 fornitori di soluzioni di viaggio e ospitalità più promettenti.

2015

Il flusso annuo di entrate alberghiere che passa attraverso la nostra tecnologia supera per la prima volta i 10 miliardi di dollari statunitensi.

Conoscendo bene l’importanza delle prenotazioni dirette, a giugno acquistiamo Globekey, il fornitore leader di motori di prenotazione online, per rafforzare ulteriormente la nostra presenza, già straordinaria, in Asia. Questa mossa è sostenuta dal lancio del nostro creatore di siti web per hotel, Canvas, al World Travel Market di Londra nel mese di novembre.

Abbiamo concluso l’anno dando il benvenuto al nostro 20 000° hotel cliente, il Rantasipi Tropiclandia di Restel.

2016

H2 Ventures e Investec ci nominano al 17º posto nel loro report inaugurale sui 50 pionieri tecnologici di Australia e Nuova Zelanda. Il prestigioso riconoscimento coincide con la nostra sesta nomina consecutiva sull’elenco di Deloitte Technology Fast Australia 50.

A questo punto, avevamo già presentato ai nostri 23.000+ clienti in tutto il mondo la nostra soluzione di intelligenza competitiva per hotel e la nostra nuova sede a Galway, in Irlanda.

2017

Benvenuto RQ Grupo Hotelero meglio conosciuto come il nostro 26.000º hotel cliente. La nostra firma col gruppo cileno segna l’inizio della nostra profonda penetrazione nel mercato latino-americano.

Pochi mesi dopo, la rivista The Silicon Review rivela la nostra posizione nel suo elenco delle compagnie da seguire “50 Best Companies to Watch” per il 2017.

2018

Dall’istituzione della nostra innovativa partnership con Airbnb, alla firma dell’hotel italiano River Palace come nostro 30.000º cliente, il 2018 si preannuncia un altro anno incredibile, e il meglio deve ancora venire..


Non sappiamo restare fermi

Send this to a friend